Nato a Zhoukou nel 1980 in Cina nella provincia dell’Henan.

Nel 1989 all’età di 9 anni, inizia a studiare il Gong Fu (Kung Fu), il Chan (Meditazione Buddhista) e la Medicina Tradizionale Cinese nel Tempio Shaolin e diventa discepolo dell’Abate Shi Yong Xin.

Dopo molti anni di pratica e duri allenamenti della durata di più di 8 ore al giorno e con metodi d’insegnamento molto severi come richiede la Cultura di Shaolin, Shi Yan Hui è entrato a far parte del ristretto gruppo dei monaci guerrieri del Tempio.

Il Maestro è esperto di forme di Kung Fu tradizionale Shaolin a mani nude (Luo Han Quan, Da Hong Quan, Xiao Hong Quan ecc…), delle 18 armi del Gong Fu, Stile dell’Ubriaco (Zui Gong Fu), degli stili degli animali (Serpente, Tigre, Scimmia, Mantide Religiosa, Aquila), delle tecniche interne ed esterne (Nei, Wai), dello Shaolin Moderno, del Sanda (Combattimento libero cinese), ma anche di Meditazione Chan (Zen), Medicina Tradizionale Cinese (MTC) e tecniche per la salute del corpo tra cui la Digitopressione e il Qi Gong (Ba Duan Jin, Yi Jin Jing).

Shi Yan Hui, ha inoltre scritto diversi articoli nel proprio Paese, relativi al benessere e alla salute secondo la Cultura Shaolin, e in particolare sui massaggi (Tui Na), su antiche tecniche di cura come i raschiamenti sulla superficie cutanea con strumenti in osso (Gua Sha), la Trazione, la Manipolazione delle Lussazioni e Riduzione delle Fratture (Zheng Gu), l’Agopuntura, la Regolazione Yin Yang, la Moxibustione, la Coppettazione e la Farmacologia Cinese (Zhong Yao).

Dopo essere divenuto monaco guerriero, dall’età di 18 anni, insieme all’Abate Shi Yong Xin, il Maestro è stato in diverse nazioni per diffondere la Cultura di Shaolin e ha partecipato a numerosi spettacoli con il famoso gruppo dei monaci guerrieri del Tempio Shaolin, contribuendo con la sua abilità ad aumentare il prestigio di questa millenaria tradizione culturale.

In collaborazione con il governo cinese il Tempio di Shaolin, Shi Yan Hui ha contribuito a organizzare degli importanti incontri per favorire l’amicizia tra diverse nazioni.

Nel 1999 si è esibito con la delegazione di monaci guerrieri Shaolin per la Regina Elisabetta II d’Inghilterra.

Nel 2001 si è esibito in Giappone per conto del Governo Cinese in rappresentanza diplomatica a seguito del premier cinese Li Peng.

Nel 2002-2003 ha partecipato allo spettacolo “La Ruota della Vita”, un vero e proprio tour di spettacoli e dimostrazioni che lo ha condotto presso le principali città degli Stati Uniti, e del Canada.

Nel 2004, ha partecipato  a un incontro in Taiwan organizzato da 8 importanti templi buddisti insieme con il Tempio di Shaolin, con l’obiettivo di favorire la pace nel mondo.

Nello stesso anno ha preso parte a un nuovo tour “Shaolin a Xiong Feng” presso le principali città dell’Australia.

Sempre nel 2004 con l’avvallo del Presidente della Repubblica Popolare Cinese Hu Jin Tao, si è esibito in delegazione ufficiale a San Paolo del Brasile per favorire l’amicizia tra i popoli

Nel 2005 si è esibito di fronte a Henry Kissinger (ex Segretario di Stato USA e Premio Nobel per la Pace nel 1973) in visita al Tempio di Shaolin.

Nello stesso anno sempre con una selezione del gruppo dei monaci guerrieri, si è esibito di fronte a vari ambasciatori della Comunità Europea al festival internazionale di Ginevra in Svizzera sponsorizzato dall’ONU.

Nel 2006 si è esibito presso il Tempio di Shaolin per il Presidente della Russia Putin, che lì ha fatto tappa durante la visita di Stato in Cina.

Alla fine del 2007 il Venerabile Shi Yong Xin, Abate del Tempio di Shaolin, lo ha incaricato di diffondere in Italia la Cultura di Shaolin, in qualità di suo unico rappresentante ufficiale.

Nel 2008 su incarico del governo cinese l’Abate Shi Yong Xin conduce in Italia una selezione del gruppo di monaci guerrieri per partecipare presso il noto Auditorium Parco della Musica di Roma al festival “Cina Vicina” dedicato alla cultura cinese, il Maestro Shi Yan Hui, già presente in Italia dal 2007, si unisce al gruppo per presenziare al festival. 

Nel 2010 il Maestro ha fondato l’Associazione Shaolin Quan Fa per avvicinare ogni appassionato della Cultura Shaolin, Chan (zen), Wu (arti marziali), Yi (Medicina Tradizionale Cinese), questo ha permesso a molte scuole di arti marziali presenti in Italia di affiliarsi all’associazione e di seguire il programma e il metodo del Maestro Shi Yan Hui.

Nel 2011 il Maestro Shi Yan Hui ha organizzato per i suoi allievi il primo viaggio studio di due settimane in Cina presso il Tempio di Shaolin. Grazie a questo viaggio studio, per la prima volta nella storia del Tempio, degli stranieri hanno avuto la possibilità, non solo di allenarsi, ma anche di seguire lezioni, pregare, mangiare e sperimentare la cultura del Chan e del Wu all’interno del Tempio. Successivamente anche nel 2012, 2014 e 2016 sono stati organizzati altri analoghi viaggi culturali.

Nel 2011 l’Abate Shi Yong Xin arriva a Roma per sostenere l’Associazione Shaolin Quan Fa, unica rappresentante in Italia autorizzata dal Tempio Shaolin a diffondere gli insegnamenti originali del Tempio, per l’occasione l’Abate ha tenuto una conferenza riguardo la Cultura Shaolin, erano presenti i rappresentanti Shaolin di tutti i Paesi europei.

Fine 2011 l’Abate Shi Yong Xin invita Shi Yan Hui in occasione della marcia della pace, a incontrare il Papa Benedetto XVI.

Negli anni 2011, 2012, 2013, ha partecipato al Festival dell’Oriente a Carrara e negli anni 2015 e 2016 a quelli di Roma, Bologna e Milano e ha tenuto una serie di conferenze sul benessere e sulla Cultura Shaolin, mentre i suoi allievi si sono allenati sui tatami ed esibiti sul palco in diverse forme a mani nude e con le armi tradizionali, suscitando il plauso e l’ammirazione del pubblico presente.

Nel 2012 il Maestro rientra al tempio e partecipa all’accoglienza del Presidente della Cambogia presso il Monastero Shaolin.

Nel 2012 e 2013 per la ricorrenza del capodanno cinese l’Ambasciata cinese a Roma organizza uno spettacolo presso Piazza del Popolo, in quell’occasione il Maestro Shi Yan Hui e i suoi allievi sono invitati a esibirsi. Il Maestro ha mostrato l’abilità nell’uso della catena riscuotendo un grande successo e suscitando molto interesse tra gli spettatori dello spettacolo.

Nel 2013, il Maestro ha firmato un accordo con la Fondazione Santa Lucia - Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Roma per curare le malattie oncologiche usando le tecniche di mantenimento della salute dello Shaolin e in particolare il Qi Gong Shaolin che si chiama Yijinjing.

Da quando è nata l’Associazione Shaolin Quan Fa, il Maestro ha tenuto numerosi stage di Chan (zen), arti marziali, benessere della salute, Qi Gong e Medicina Tradizionale Cinese in tutta Italia sia con scuole affiliate che con scuole esterne all’associazione. Infatti ogni domenica il Maestro Shi Yan Hui si reca a turno nelle diverse scuole di Kung Fu associate per dare delle direttive e per insegnare il kung fu personalmente. Inoltre, è stato invitato molte volte dai governi locali, dagli ospedali, dalla televisione e altre associazioni per sostenere le conferenze sui metodi di mantenimento della salute, sulla cura con la Medicina Tradizionale Cinese, sul Kung Fu Shaolin, sulla filosofia Chan, lo sport per la salute, ecc...

Il Maestro nel 2015 ha organizzato il primo Raduno Nazionale Shaolin presso la palestra della Fondazione Santa Lucia a Roma a cui è seguito un secondo Raduno in collaborazione con la FIWUK presso il palazzetto  dello Sport “Ge.Tur” di Lignano Sabbiadoro con la partecipazione di allievi da tutta Italia e trasmissione dell’evento in diretta streaming e cui è seguito un terzo raduno a Milano in collaborazione con MSP e PWKA a gennaio del 2016.

Innumerevoli ormai le conferenze tenute dal Maestro, tra le quali quelle in collaborazione con il Prof. Vincenzo Maria Saraceni presso L’Ospedale S. Andrea di Roma nel novembre del 2015, quella con la collaborazione della Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università de “La Sapienza” di Roma nel maggio 2016 e seguite sempre da articoli comparsi nei principali organi di stampa locali e nazionali e riviste del settore, come pure da alcuni servizi sulle tematiche culturali Shaolin all’interno di alcune trasmissioni specializzate nell’ambito della Salute e del Benessere che hanno dato ancora più lustro all’opera del Maestro per la pace e l’armonia della società italiana.

Il 23 Maggio 2016 nella splendida cornice della sala della Protomoteca nel palazzo del Campidoglio a Roma, si è tenuta la 46ma edizione del prestigioso Premio Simpatia detto anche Oscar Capitolino. Tra i premiati, oltre a registi, cantanti, scrittori, attori e protagonisti in vari ambiti della cultura e partecipazione civile, dal volontariato alle forze dell’ordine fino a luminari della ricerca, ci sono state alcune premiazioni internazionali, fra cui per lo sport, il Maestro Shi Yan Hui accompagnato dal direttore dell’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Santa Lucia, Luigi Amadio con cui Shi Yan Hui collabora all’introduzione di tecniche di meditazione ed esercizi tramandati dalla cultura millenaria di Shaolin nei protocolli di riabilitazione e il sig. Zhang Ai Shan, responsabile dell’ufficio stampa dell’ambasciata cinese. Altro cinese insignito del prestigioso premio è stato l’ambasciatore Lin Zhong nel lontano 1985.

Il 29 ottobre 2016 il Maestro, ospite presso il Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo MAXXI, ha  presentato il I° corso sulla Medicina Tradizionale Cinese cui è seguito una dimostrazione arti marziali.

Il 5, 12 e 19 novembre 2016, sempre presso tale prestigiosa struttura, il Maestro ha tenuto dei seminari di Qi Gong, disciplina efficace per liberarsi dallo stress e dai pensieri che affollano negativamente la nostra mente, per offrire ai presenti momenti di dimostrazione, apprendimento e anche pratica, delle arti marziali secondo i principi e il metodo tradizionale di Shaolin.

Il 15 Gennaio 2017, presso la Fondazione Santa Lucia, è iniziato il I° Corso d’introduzione alla Medicina Tradizionale Cinese “Yi” che terminerà i primi di dicembre.

Tale iniziativa è maggiormente integrata e impreziosita dal Prof. Vincenzo Maria Saraceni, Professore Ordinario di Medicina Fisica e Riabilitazione e Direttore dell’omonima Scuola di Specializzazione presso l’Università La Sapienza di Roma, nonché membro del Comitato Etico della Fondazione Santa Lucia e dal Dott. Marco Tramontano, coordinatore del Servizio di fisioterapia della Fondazione Santa Lucia e direttore del corso di laurea in fisioterapia dell’università di Roma Tor Vergata con sede presso la stessa Fondazione a conferma del fatto che ormai che la medicina occidentale ed orientale sono ormai universalmente riconosciute come complementari.

Il 5 luglio 2017 riceve notifica formale che la direzione Nazionale AICS (Associazione Italiana Cultura e Sport) ha deliberato nella riunione per le nomine dei Referenti Nazionali del Dipartimento di Scienze e Tecniche Olistiche AICS la nomina del Maestro Shi Yan Hui a Direttore Tecnico Tuina/Qi Gong del suddetto Dipartimento.